Related Videos

Venerdì, Gennaio 14, 2022 Geopolitica

Ma il rischio per il clima mondiale continua

di Giuseppe Morabito*

Focus sul principale “evento climatico” del Medio Oriente, con l’organizzazione della Settimana della sostenibilità 2022 di Abu Dhabi (ADSW). Nella regione al centro di produzione mondiale di idrocarburi, migliaia di delegati, sia di persona sia virtualmente, si riuniranno per discutere e esporre le ultime teorie, a livello mondiale, in merito a come risolvere il problema globale del cambiamento climatico, come promuovere al meglio l'innovazione verde e come migliorare le pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale.

Eventi come questo, che si svolgerà dal 15 al 19 gennaio, consentono agli attori nei mondi degli affari, politica, diplomazia, di capire come si inserisce la loro specifica area di interessi in un quadro più ampio a livello internazionale. Per gli esperti e gli organizzatori c’è bisogno che tutte le aree della società siano orientate verso la sfida del cambiamento climatico e opportunità come questa siano di promozione alla condivisione delle conoscenze necessaria per rendere realtà la sfida stessa e non un miraggio la riduzione dell’utilizzo dell’inquinante fossile per produrre energia.

Lunedì, Gennaio 10, 2022 Interna

di Laura Caldara 

Caos, incertezze, confusione, notizie velate vagamente trapelate, indicazioni incoerenti e contrastanti: è lo scenario in cui tutti noi viviamo in queste ultime settimane, gli ultimi e soli punti fermi che il popolo conosce della gestione della pandemia da parte del Governo.

Ciò che emerge in questi giorni è discutibile. Vani sono i tentativi di far passare attraverso i giornali e i media, un messaggio diverso se guardiamo le file interminabili di cittadini che per ore attendono tamponi, in alcune regioni introvabili, il ritardo inspiegabile dell’esecutivo nell’affrontare la nuova variante Omicron e, soprattutto, la bibbia di nuove regole sui mille volti del Green Pass e sulla quarantena partorita dal Governo, nell’infaticabile ed inutile tentativo di mettere una toppa su una ferita che solo attraverso coscienza, trasparenza comunicativa e onestà di pensiero si può guarire e superare.


Lunedì, Gennaio 10, 2022 Istruzione&Ricerca

di Laura Caldara,

Per l’ennesima volta, non possiamo non evidenziare, l’inefficienza del sistema su un tema tanto delicato come quello della mancata erogazione degli stipendi dei supplenti che continuano a non ricevere neanche l’ombra di un centesimo. Uno scenario che sta creando disagi agli stessi e alle loro famiglie costretti, con sacrificio, ad attendere mesi per riscuotere ciò che gli spetta di diritto dopo mesi di lavoro.

Ad essere in attesa dei pagamenti sono qualcosa come 100mila supplenti. 

Si tratta di docenti e personale ATA che in almeno un quarto dei casi non avrebbe ricevuto nemmeno uno degli emolumenti maturati dal mese di settembre ad oggi.

Lunedì, Gennaio 10, 2022 Geopolitica

di Sergio Bellucci

Con una metafora forse azzardata potremmo traslare la situazione kazaka da quella che precedette il 14 luglio del 1789. Dal “Maestà il popolo ha fame e non ha più pane”. “Se non hanno più pane che mangino le brioche” (il dialogo attribuito a Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena durante un tentativo di rivolta per mancanza di pane), al “Popolo ha fame, freddo e non ha il gas per fare il pieno all’auto”. “Allora dategli un wallet con dei Bitcoin!”.

Il mondo si interessa alla crisi del Kazakistan in maniera diversa di altre crisi di paesi fuori dalla “notiziabilità” classica. La ragione di questo interesse non è certo per un improvviso afflato di vicinanza con la sofferenza di un popolo (della situazione afgana, ad esempio, non si riempiono più le pagine dei giornali e i TG, anche se la crisi, in questi mesi, si sia solo aggravata dallo scorso agosto).

Martedì, Dicembre 28, 2021 Cultura

di Dante Fasciolo

Anno nuovo, cambio vita!

Chi non ha mai pronunciato questa frase dice una bugia.

E’ vero però che troppo spesso la si pronuncia

con una leggerezza che la rende incredibile.

E altrettanto vero è che pronunciandola

si vuole in qualche modo esorcizzare il presente;

o, a volte, nascondere un disagio, un problema

e rinviare ad un tempo migliore la soluzione.

Il fatto è che disagi e problemi non sono regolati

dal calendario e non hanno una soluzione di continuità

con lo scadere dell’anno; e i giorni sereni della festa

attenuano appena la consapevolezza del domani.

L’anno nuovo trascina con se il recente passato

e pone l’accento su di un presente che non dà tregua.

In troppe famiglie oggi serpeggia amarezza,

Venerdì, Dicembre 24, 2021 Cultura

di Dante Fasciolo 

Improvviso, c’è del nuovo nell’aria.

Un vortice che mette ai margini il disagio e la noia

di una società che trascina sempre oltre il limite;

e centra un’essenza:

Dio, l’onnipotente si fa carne di bambino;

un invito a conoscere e a capire, di nuovo, ancora una volta,

 un nuovo inizio di vita,

un nuovo Natale. 

Un rito che si rinnova dentro l’uomo,

 che liberato dal turbinio quotidiano

 sappia superare l’emozione e alimentare la sua speranza;

sappia offrire quell’ardore

Giovedì, Dicembre 23, 2021 Cultura

Si è tenuto a Roma nella prestigiosa sede dell’Istituto “Luigi Sturzo” il tradizionale appuntamento del Movimento Azzurro, Associazione di Protezione Ambientale fondata dall’On. Prof. Gianfranco Merli, unanimemente riconosciuto padre dell’ecologia italiana, al fine di conferire il tradizionale Premio nazionale per l’Ambiente istituito per ricordare la figura e l’impegno dell’iniziatore della legislazione ambientale nel nostro Paese, a personalità, enti ed istituzioni che si sono particolarmente distinti nel campo della promozione ecologica, attraverso ricerca scientifica, politiche ambientali, azioni di volontariato attivo teso alla tutela del patrimonio ecologico e culturale italiano. Aprendo i lavori dell’incontro,

il Presidente Nazionale del Movimento Azzurro Rocco Chiriaco ha ricordato il lungo cammino del movimento ed i risultati conseguiti nei 30 anni di vita dell’associazione in difesa dell’ambiente e per la promozione di una vasta cultura ambientalista, secondo le intuizioni del fondatore del Movimento Azzurro on. Professor Gianfranco Merli, proponente della prima legge organica italiana per la tutela delle acque bene essenziale per la vita di ogni ecosistema.


Outlook

Ripensare l’Unione europea a 70 anni dalla Dichiarazione Schuman

di Fausta Speranza

Uno shock senza precedenti dalla Grande Depressione, ma anche una prospettiva tutta nuova da esplorare: nel valutare le ultime stime della Commissione europea non si trova solo lo scenario cupo per l’economia, che fa seguito al dramma delle perdite umane per il Covid-19, ma anche una possibile crescita del Pil già nel 2021. Sullo sfondo c’è la possibilità di un ruolo nuovo per l’Europa, a patto che non trascuri il virus di vecchie ideologie e ribollenti nazionalismi, tenendo invece in lockdown i suoi valori.

di Francesco Tufarelli

La ricorrenza del 9 maggio, tradizionalmente la festa dell’Europa, cade quest’anno in un momento particolarmente delicato a livello europeo e internazionale.
La pandemia ha travolto la vita ed i ritmi dei cittadini, coprendo con un inquietante alone tutte le attività del vivere civile. Ai numerosi decessi intervenuti in questi sessanta giorni si aggiunge oggi lo spettro di una terribile crisi economica, di cui ancora non riusciamo bene a valutare l’entità.

di Stefano Milia

Questo 9 maggio si celebra una “Giornata dell'Europa”molto particolare. Non solo quest'anno ricorre il settantesimo anniversario della dichiarazione di Schuman, ma ci troviamo anche in una crisi globale che richiede la nostra cooperazione e solidarietà come mai prima d'ora.

di Rosa Musto

La festa dell'Europa, che gli studenti festeggiano ogni anno, rappresenta l'occasione per testimoniare nel contesto sociale quanto viene realizzato in tema di educazione alla cittadinanza europea nelle scuole. I risultati su “L'educazione alla cittadinanza a scuola” vengono costantemente monitorati e resi noti dalla Rete di informazione europea sull'istruzione Eurydice. E promuovere la cittadinanza attiva è diventato uno degli obiettivi principali dei sistemi educativi in tutta Europa.

di Elisabetta Biondi

Settanta anni fa Robert Schuman, il “padre dell’Europa”, diceva: «l'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto», per proseguire poi riferendosi non all’accezione “comune” di solidarietà, ma piuttosto ad una «solidarietà di produzione» che «in tal modo realizzata farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile.

di Raffaella Pergamo

Non vi parlerò dell’Italia, ma dell’Europa e non dell’Europa di ieri e di oggi, ma dell’Europa di domani, di quell’Europa che vogliamo ideare, preparare e costruire” queste le parole di Alcide De Gasperi, pronunciate in un discorso alla radio nel 1952, due anni dopo la presentazione da parte di Robert Schuman del piano di cooperazione economica, esposto nella Dichiarazione che segnava l’inizio del processo di integrazione europea.

di Barbara Becchi 

Le pubbliche amministrazioni di tutti i livelli, e in particolare gli enti locali e regionali, alle difficoltà quotidiane di gestione del territorio hanno visto aggiungersi una emergenza sanitaria senza precedenti che ha rischiato e rischia di sfilacciare il tessuto sociale dei territori.

bandiere2 400x300 1di Beatrice Covassi

Non è andato tutto bene.  Il Coronavirus si è portato via mio padre, classe 1937, e con lui tanti, troppi, della generazione che aveva contribuito alla ricostruzione e al benessere del dopoguerra, che aveva sognato e poi lavorato attivamente a quella dirompente novità chiamata Europa.  Una generazione forgiata nelle privazioni e nelle difficoltà economiche e sociali del periodo post-bellico, formata al sacrificio e all’impegno civico, tesa alla costruzione di un nuovo mondo con la democrazia come stella polare.       


Media TV

L'italia e il Mondo


Politica


Economia





L'angolo dell'umorista

Ennio Morricone
Ennio Morricone
Vado bene per la terza fase?
Vado bene per la terza fase?
L'angolo dell'umorista
L'angolo dell'umorista
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
Lucio Trojiano
Lucio Trojiano
Povera Europa
Povera Europa
Buona Festa della Repubblica!
Buona Festa della Repubblica!

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv