Tutte le incognite della missione Irina per il controllo dell'embargo di armi in Libia

Related Videos

Mercoledì, Settembre 21, 2022 Geopolitica

di Lodovico Fiano

La volatilità dei prezzi agricoli costituisce un imprevedibile fattore di destabilizzazione dei mercati. Anche considerando solo l'arco temporale degli ultimi 15 anni, si sono susseguiti eventi di grande ed imprevedibile incidenza sul quadro economico, sociale ed ambientale, con un impatto sempre più crescente sul piano inflattivo.

Con la crisi del multilateralismo, in conseguenza del conflitto in Ucraina, si tende a nuovi fornitori e ad una rete di distribuzione più vicina, in una riconfigurazione su base geopolitica. il conflitto armato Russia Ucraina del febbraio del 2022 ha accelerato a dismisura un processo di de-globalizzazione e conseguente pressione inflattiva già innestato con la pandemia, proiettando verso la recessione ed il collasso di importanti e strategiche imprese.

Mercoledì, Settembre 21, 2022 Cultura

di Loredana Cornero

Dopo l'arte contemporanea e il dialogo tra arte e scienza, con "L'Arte della Fisica. Da Luigi Russolo a Renzo Bergamo", il Palazzo Vescovile di Portogruaro ospita una straordinaria carrellata di oltre cento immagini che raccontano la cronaca, la storia e il costume del nostro paese negli ultimi 70 anni. Un progetto che porta, per la prima volta in città, i grandi fotografi dell'agenzia fotografica Magnum Photos, fondata a New York nel 1947.

La mostra si apre con una serie di Robert Capa, dedicata alla fine della Seconda Guerra Mondiale, che mostra un paese in rovina, distrutto da cinque anni di conflitto, e prosegue con una di David Seymour, che nel 1947 riprende invece i turisti che tornano a visitare la Cappella Sistina: l'eterna bellezza dell'arte italiana che appare come il segno della rinascita di un'intera nazione.


Venerdì, Settembre 16, 2022 Cultura

Per salvare il mondo serve recuperare davvero una prospettiva di bene comune. E’ uno dei messaggi emersi alla cerimonia di consegna, ieri 14 settembre all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, del Premio Letterario Ambasciatori presso la Santa Sede 2022. L’Ambasciatore Francesco Di Nitto e il Capo Delegazione dell'Unione Europea presso la Santa Sede, Ambasciatore Alexandra Valkenburg -  rispettivamente Vice Presidente e Presidente della Giuria - hanno consegnato il Premio a Fausta Speranza, vincitrice della terza edizione con il libro “Il senso della sete. L’acqua tra geopolitica, diritti, arte e spiritualità” (Infinito edizioni).

Venerdì, Settembre 16, 2022 Geopolitica

CHI GUIDERA' IL COLOSSO SUD-AMERICANO?

di Giuseppe Petrucci

Fra circa 15 giorni i brasiliani si recheranno alle urne per eleggere il Nuovo Presidente della Repubblica, il primo turno sarà il 2 ottobre 2022 per le Presidenziali, che, oltre ad eleggere il Presidente ed i deputati e gli 81 senatori, eleggerà anche i Governatori ed i deputati dei 26 Stati.

Si divideranno la torta i ben 32 partiti politici riconosciuti dal Tribunale Superiore elettorale, TSE, registrati alla fine di settembre 2022.

Il Brasile da molti anni sta attuando il voto elettronico, anche se la destra sta boicottando questo sistema, ma, ormai, lo stesso TSE, ribadisce che non ci sono brogli. I brasiliani andranno a votare con questo metodo e la sera stessa sapranno da chi saranno Governati, ma, se nessuno dei candidati raggiunge il 50% +1 ci sarà il ballottaggio previsto per il 30 ottobre 2022.

Venerdì, Settembre 09, 2022 Interna

di Alfredo Battisti

Il taglio dei parlamentari ha provocato varie distorsioni nel sistema istituzionale.

Per riequilibrarlo, erano stati promessi diversi “correttivi”. Ovviamente mai adottati.

Autodromo di Monza, Gran Premio d’Italia. Al box del Cavallino Rampante, fiato teso e adrenalina che sfreccia nelle vene. Venti meccanici sono pronti a scattare per un rapidissimo pit-stop: rifornimento di carburante, sostituzione degli pneumatici, riparazioni, regolazioni meccaniche. Ciascuno con il proprio ruolo. Ciascuno agile, preciso, fondamentale.

Venerdì, Settembre 09, 2022 Esteri&Difesa

di Alfredo Battisti

Lutto nazionale nel Regno Unito, per dieci giorni, e così anche nei Paesi che riconoscevano Elisabetta II come proprio Capo di Stato: il doveroso omaggio a colei che ha portato la Corona per 70 anni, traghettandola dall’Impero coloniale al Commonwealth delle Nazioni, e rendendo la Monarchia un istituto a proprio agio anche nelle mutate condizioni storiche.

Eppure ciò che stupisce è il cordoglio che proviene da terre straniere – certo amiche e alleate –, ma che va ben oltre il protocollo e assume una portata tale da “stonare” con il minor lutto portato per la morte dei propri Capi di Stato.

Mercoledì, Agosto 24, 2022 Geopolitica

Matteo COLACCHIO, Ludovica SANTO

Lo scenario geopolitico contemporaneo è alla ricerca di nuovi equilibri. Il fermento non risparmia il Mare Nostrum, da sempre luogo d’incontro di popolazioni e culture diverse e palcoscenico, nel corso della storia, dello splendore di civiltà fiorenti. Πάνταῥεῖ (panta rei). Tutto scorre.

I prossimi anni saranno l’occasione per due grandi potenze regionali, l’Italia e la Turchia, già unite da importanti legami commerciali, per fare dell’Area mediterranea un motore propulsore del cambiamento e un modello di stabilità. Ciò dovrà transitare necessariamente per la composizione delle aree di confronto esistenti nel Mediterraneo Orientale. Forse è tempo per il Mediterraneo di divenire quel Lago di Tiberiade tanto agognato da Giorgio La Pira, promotore di un dialogo a tutto campo tra l’Italia e i Paesi del Mediterraneo.


Outlook

Ripensare l’Unione europea a 70 anni dalla Dichiarazione Schuman

di Fausta Speranza

Uno shock senza precedenti dalla Grande Depressione, ma anche una prospettiva tutta nuova da esplorare: nel valutare le ultime stime della Commissione europea non si trova solo lo scenario cupo per l’economia, che fa seguito al dramma delle perdite umane per il Covid-19, ma anche una possibile crescita del Pil già nel 2021. Sullo sfondo c’è la possibilità di un ruolo nuovo per l’Europa, a patto che non trascuri il virus di vecchie ideologie e ribollenti nazionalismi, tenendo invece in lockdown i suoi valori.

di Francesco Tufarelli

La ricorrenza del 9 maggio, tradizionalmente la festa dell’Europa, cade quest’anno in un momento particolarmente delicato a livello europeo e internazionale.
La pandemia ha travolto la vita ed i ritmi dei cittadini, coprendo con un inquietante alone tutte le attività del vivere civile. Ai numerosi decessi intervenuti in questi sessanta giorni si aggiunge oggi lo spettro di una terribile crisi economica, di cui ancora non riusciamo bene a valutare l’entità.

di Stefano Milia

Questo 9 maggio si celebra una “Giornata dell'Europa”molto particolare. Non solo quest'anno ricorre il settantesimo anniversario della dichiarazione di Schuman, ma ci troviamo anche in una crisi globale che richiede la nostra cooperazione e solidarietà come mai prima d'ora.

di Rosa Musto

La festa dell'Europa,che gli studenti festeggiano ogni anno, rappresenta l'occasione per testimoniare nel contesto sociale quanto viene realizzato in tema di educazione alla cittadinanza europea nelle scuole. I risultati su “L'educazione alla cittadinanza a scuola” vengono costantemente monitorati e resi noti dalla Rete di informazione europea sull'istruzione Eurydice. E promuovere la cittadinanza attiva è diventato uno degli obiettivi principali dei sistemi educativi in tutta Europa.

di Elisabetta Biondi

Settanta anni fa Robert Schuman, il “padre dell’Europa”, diceva: «l'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto», per proseguire poi riferendosi non all’accezione “comune” di solidarietà, ma piuttosto ad una «solidarietà di produzione» che «in tal modo realizzata farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile.

di Raffaella Pergamo

Non vi parlerò dell’Italia, ma dell’Europa e non dell’Europa di ieri e di oggi, ma dell’Europa di domani, di quell’Europa che vogliamo ideare, preparare e costruire” queste le parole di Alcide De Gasperi, pronunciate in un discorso alla radio nel 1952, due anni dopo la presentazione da parte di Robert Schuman del piano di cooperazione economica, esposto nella Dichiarazione che segnava l’inizio del processo di integrazione europea.

di Barbara Becchi 

Le pubbliche amministrazioni di tutti i livelli, e in particolare gli enti locali e regionali, alle difficoltà quotidiane di gestione del territorio hanno visto aggiungersi una emergenza sanitaria senza precedenti che ha rischiato e rischia di sfilacciare il tessuto sociale dei territori.

bandiere2 400x300 1di Beatrice Covassi

Non è andato tutto bene.  Il Coronavirus si è portato via mio padre, classe 1937, e con lui tanti, troppi, della generazione che aveva contribuito alla ricostruzione e al benessere del dopoguerra, che aveva sognato e poi lavorato attivamente a quella dirompente novità chiamata Europa.  Una generazione forgiata nelle privazioni e nelle difficoltà economiche e sociali del periodo post-bellico, formata al sacrificio e all’impegno civico, tesa alla costruzione di un nuovo mondo con la democrazia come stella polare.       



Politica






L'angolo dell'umorista

Ennio Morricone
Ennio Morricone
Vado bene per la terza fase?
Vado bene per la terza fase?
L'angolo dell'umorista
L'angolo dell'umorista
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
Lucio Trojiano
Lucio Trojiano
Povera Europa
Povera Europa
Buona Festa della Repubblica!
Buona Festa della Repubblica!

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv