L'Italia e il Mondo

di  Giuseppe Morabito

Scrivere in queste ore e fare un’ipotesi su quello che potrebbe accadere al confine russo -ucraino è complesso ma escluderei da subito un conflitto armato.Nell'incontro di oggi, a Ginevra, tra il Segretario di Stato americano Blinken ed il suo omologo russo Lavrov, gli Usa e gli altri alleati occidentali hanno chiesto a Mosca di ritirare le truppe schierate sul confine, mentre la Russia chiede alcune garanzie di sicurezza e sia di fermare l’espansione ad est dell'Alleanza, compresa un’ulteriore assistenza militare americana all’Ucraina, sia il ritiro delle truppe NATO dalla Bulgaria e dalla Romania.

A partire da lunedì prossimo è attesa una comunicazione scritta da Washington nella quale si darà risposta alle richieste avanzate da Mosca per arrivare a una de-escalation. Oggi Lavrov ha dichiarato: “Vorrei ripetere ancora una volta alla fine dell’incontro che abbiamo concordato che la settimana prossima gli Stati Uniti presenteranno risposte scritte a tutte le nostre proposte” aggiungendo di essere “d’accordo sul fatto che un dialogo ragionevole sia necessario” affinché si “calmi la tensione” attorno all’Ucraina e che quelli di Ginevra “non sono la fine del nostro dialogo”.

21-01-2022
Autore: Giuseppe Morabito
Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

Ma il rischio per il clima mondiale continua

di Giuseppe Morabito*

Focus sul principale “evento climatico” del Medio Oriente, con l’organizzazione della Settimana della sostenibilità 2022 di Abu Dhabi (ADSW). Nella regione al centro di produzione mondiale di idrocarburi, migliaia di delegati, sia di persona sia virtualmente, si riuniranno per discutere e esporre le ultime teorie, a livello mondiale, in merito a come risolvere il problema globale del cambiamento climatico, come promuovere al meglio l'innovazione verde e come migliorare le pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale.

Eventi come questo, che si svolgerà dal 15 al 19 gennaio, consentono agli attori nei mondi degli affari, politica, diplomazia, di capire come si inserisce la loro specifica area di interessi in un quadro più ampio a livello internazionale. Per gli esperti e gli organizzatori c’è bisogno che tutte le aree della società siano orientate verso la sfida del cambiamento climatico e opportunità come questa siano di promozione alla condivisione delle conoscenze necessaria per rendere realtà la sfida stessa e non un miraggio la riduzione dell’utilizzo dell’inquinante fossile per produrre energia.

14-01-2022
Autore: Giuseppe Morabito
Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

di Sergio Bellucci

Con una metafora forse azzardata potremmo traslare la situazione kazaka da quella che precedette il 14 luglio del 1789. Dal “Maestà il popolo ha fame e non ha più pane”. “Se non hanno più pane che mangino le brioche” (il dialogo attribuito a Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena durante un tentativo di rivolta per mancanza di pane), al “Popolo ha fame, freddo e non ha il gas per fare il pieno all’auto”. “Allora dategli un wallet con dei Bitcoin!”.

Il mondo si interessa alla crisi del Kazakistan in maniera diversa di altre crisi di paesi fuori dalla “notiziabilità” classica. La ragione di questo interesse non è certo per un improvviso afflato di vicinanza con la sofferenza di un popolo (della situazione afgana, ad esempio, non si riempiono più le pagine dei giornali e i TG, anche se la crisi, in questi mesi, si sia solo aggravata dallo scorso agosto).

10-01-2022
Autore: Sergio Bellucci
Imprenditore e saggista

di Giuseppe Morabito

La Germania, paese di riferimento e traino di tutta la comunità europea - con buona pace della Francia -,  ha un nuovo governo e agli analisti sembra chiaro che la politica estera e di sicurezza tedesca potrebbero cambiare marginalmente: i principi essenziali rimarranno generalmente gli stessi. Il patto di coalizione che si  è formato a Berlino pare ben  orientato in politica estera e di sicurezza, più di quanto alcuni si aspettassero e si baserebbe su un accentuato atlantismo (leggasi come massimo supporto alle politiche dell’ambito NATO). Il linguaggio su Russia e Cina Popolare è più fermo di quello dell'amministrazione Merkel, ma la nuova amministrazione cercherà anche di allentare le tensioni in e sull'Ucraina e l’atteggiamento preso nelle relazioni Washington - Berlino sembrerebbe  meno “amichevole” del passato.  Non c'è ancora nessuna decisione sul futuro del gasdotto Nord Stream 2 nonostante la "enorme pressione" per far fallire l’opera. Ci sarebbero, inoltre, profonde contraddizioni nella politica energetica tedesca e sulla sicurezza energetica. Berlino e il suo sistema economico sono alle prese con il rispetto degli impegni presi sul carbonio, pur mantenendo le forniture di energia in essere, senza diventare eccessivamente dipendente dalla Russia di Putin. Semplificando, potrebbe benissimo succedere  che la Germania “non ce la possa fare ad andare avanti” senza il gas russo.

19-12-2021
Autore: Giuseppe Morabito
Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

di Lucio Martino

Il presidente Joe Biden continua a ritrovarsi alle prese con un mondo che rifiuta di conformarsi alle sue aspettative. L'Iran non sta collaborando. La Cina non si è impegnata su questioni comuni come il cambiamento climatico, né sembra impressionata dalla decisione di boicottarne diplomaticamente le ormai prossime olimpiadi invernali mentre la Russia continua, nonostante tutto, a nutrire ambizioni di egemonia regionale. Per quanto riguarda proprio la Russia, a guidare il presidente Vladimir Putin sembra la convinzione che il tempo non sia dalla sua parte a fronte di un numero crescente di Ucraini palesemente decisi a sfuggire da un abbraccio che percepiscono come  soffocante. Con l'incoraggiamento e l'aiuto dell'Occidente, un’intera serie di cambiamenti stanno gradualmente allontanando l'Ucraina dalla Russia post-sovietica ancorandola sempre più all'Occidente.
 
Per Putin, e per i nazionalisti russi del cui sostegno non può fare a meno, il consolidamento di una vera indipendenza ucraina è percepito al pari di una minaccia esistenziale. A loro avviso la Russia ha bisogno dell'Ucraina per controllare il Mar Nero, ristabilirsi come principale potenza in Europa e difendere il carattere ortodosso e slavo della Federazione.
 

13-12-2021
Autore: Lucio Martino
Guarini Institute For Public Affairs

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv