Sport&Salute

di  Fausta Speranza

Se ogni anno, il 12 maggio, la Giornata mondiale dedicata agli infermieri ci aiuta a ricordare la preziosità del lavoro in corsia accanto agli ammalati, l'occasione si fa speciale dopo i mesi in cui li abbiamo visti impegnati nella lotta al Coronavirus in prima linea e senza riserve. Ma non può essere solo un omaggio: deve essere anche un memorandum su quanto c'è da fare per combattere le violenze contro i sanitari. All’Aula di Montecitorio è all’esame il  relativo Disegno di legge.

12-05-2020
Autore: Fausta Speranza
Giornalista e Scrittrice

di Paola Uriati

La nascita di un figlio, una separazione, la perdita del lavoro, una malattia inaspettata, il fallimento di un progetto, ma anche, un allontanamento dalla famiglia alla ricerca della propria autonomia e libertà. Sono tanti, nel corso della vita, gli eventi che ci costringono a confrontarci con noi stessi e a cambiare. Esperienze che però, il più delle volte, sono accompagnate da sentimenti di smarrimento, solitudine, rabbia e delusione. Per quanto ci si possa preparare ad affrontare questi eventi, sembra davvero impossibile evitare la sofferenza. Eppure, la propria felicità va ricercata proprio imparando a superare le prove più dolorose e inattese che, nel corso dell’esistenza, arrivano a turbare la nostra serenità e la nostra gioia di vivere.

07-05-2020
Autore: Paola Uriati
Psicologa e psicoterapeuta

Francesca Perri

A causa dello smantellamento del SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE in favore di una Regionalizzazione spinta istituita grazie alla modifica del Titolo V nel 2001, mai come in occasione di questa epidemia/pandemia ( viste le dimensioni mondiali del contagio), possiamo dire che le Regioni tutte hanno fallito, anche quelle meno colpite.

In primis la Lombardia, che tra l’altro è stata capostipite nell’equiparare il Servizio Sanitario in Sistema Sanitario Regionale, parificando il Pubblico al privato, cui tutte le altre Regioni si sono adeguate per appianare il bilancio, con la scusa che il privato è più funzionale e meno sprecone! No, il privato punta solo al profitto e per un medico, questo è inaccettabile, non deve esserci profitto in Sanità, ma solo guadagno in termini di Salute per la popolazione tutta. Del resto,la riprova si è avuta in occasione di questa epidemia, poichè il privato ha contribuito ben poco, non avendo per la gran parte Rianimazioni e non avendo messo a disposizione le proprie strutture e il personale per i casi meno critici, ma che necessitavano di una sorveglianza attiva, ben al di là di una telefonata di monitoraggio della Temperatura Corporea. 

Link: Appello_di_100_mila_medici_impegnati_nella_lotta_al_Covid.pdf
28-04-2020
Autore: Francesca Anna Perri
Emergentista 118 Roma
Vicepresidente area centro-Italia per la SIS 118 (Società Scientifica Sistema 118)
Sindacalista Anaao-Anmos

Quando trasporti in ambulanza persone positive al covid19  ti devi proteggere. Metti la tuta, doppi guanti, cappuccio, calzari, mascherina, occhialini. Tappi tutti i buchi con il cerotto e comincia l'apnea. Si, perché là sotto si respira male, sudi, sale la temperatura e non puoi toccarti finché non levi tutto.
Quando trasporti persone positive al covid19 con insufficienza respiratoria è una corsa contro il tempo. L'adrenalina sale a mille e speri con tutto il cuore che i medici di reparto siano più sbrigativi possibile a ricoverarti il nonnino che gli hai portato.

27-04-2020
Autore: Enrica de Santis
Medico 118 Provincia di Catanzaro

Giorgio Bartolomucci

In un precedente articolo pubblicato in questo magazine avanzavo la preoccupazione che all’emergenza sanitaria causata dal virus Covid19  potessero sovrapporsi gravi infezioni nosocomiali, ovvero correlate all’assistenza. Durante una pandemia così grave, infatti, per l’elevato numero di malati ricoverati in terapia intensiva è quasi inevitabile che, come complicazione, si determini un’alta carica batterica che oltre ai pazienti può colpire anche il personale sanitario.

25-04-2020
Autore: Giorgio Bartolomucci
Medico infettivologo

Sottocategorie

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv