Turismo

di Loredana Cornero

Ed eccoci come promesso a raccontare le tappe del  nostro Cammino minerario di Santa Barbara. La partenza da Roma è stata movimentata dal cambio di guardia tra Alitalia e ITA avvenuto il 15 ottobre. Fino all'ultimo non si sapeva chi avrebbe preso il posto di Alitalia per i voli per la Sardegna. La logica avrebbe voluto che ITA  volasse sull'isola, come su tutte le altre regioni italiane, ma la logica, si sa, spesso non ha un gran seguito. E così siamo rimasti in attesa cercando percorsi alternativi, da Milano, Pisa o Bologna, visto che l'unico volo da Roma per Cagliari fornito da Ryanair era arrivato a costare, in mancanza di concorrenza, quasi 400 euro. Alla fine sciolte le riserve, il 14 sera è stato comunicato che la compagnia ITA non avrebbe servito la Sardegna, unica regione in tutta Italia, ma la gara era stata aggiudicata ad una compagnia lowcost spagnola: Volotea.
Non è qui il caso, ma forse questo tema andrebbe approfondito per chiarire perché la Sardegna, unica regione italiana, sia stata abbandonata ad una compagnia spagnola. Sarebbe passata sotto silenzio se la stessa cosa fosse accaduta alla Lombardia o al Lazio?

08-11-2021
Autore: Loredana Cornero
Saggista. Presidente Viandando
Già Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona.

Come e quando prepararsi ad un rilancio ?

di Corrado Alberto Cutrufo & Erico Manuel Cutrufo 

Il problema

Il Turismo  è  il settore industriale  tra più colpiti  dagli   effetti della pandemia del covid  a livello mondiale . In questo quadro l’Italia non fa eccezione a questa  condizione generale . Infatti  solo nei primi mesi del 2020  il Bel Paese veniva  posto, nella graduatoria mondiale  dei paesi più visitati  al mondo nella  quinta posizione, rispetto all’anno precedente il   2019,  con presenze per oltre   94 milioni di turisti stranieri .                              

L’intero  settore contribuiva , infatti,  per oltre il 13 % del Prodotto Interno Lordo  sommando anche quelli rappresentati dalla cultura e dalla ristorazione . L’anno appena concluso , il 2020, conterà  invece  il  -55% di presenze (Fonte  ENIT;  Agenzia It. del Turismo). 

Gli indicatori  stimano che  i tempi per una ripresa completa  a livello  mondiale del traffico turistico , sarà necessario attendere fino a  tutto il  2023. Questo solo se si arriverà a contenere la pandemia  del  Covid 19 e delle sue varianti  con i vaccini , gli anticorpi monoclonali ,gli antivirali ,  gli antinfiammatori  o altri strumenti ancora .   Resta il fatto che il 2021/22 si presentano come  anni molto difficili  per il  settore in genere e l’Italia in particolare .

Corrado Alberto Cutrufo & Erico Manuel Cutrufo
17-03-2021
di Loredana Cornero

E’ stato un anno nero per il turismo. E non poteva essere diversamente. I numeri diffusi recentemente dall’Enit tracciano una misera fotografia: i pienoni del mese preferito della vacanza italiana sono stati un miraggio e si sono avute 65 milioni di presenze in meno solo d'estate, per un comparto della nostra economia che da solo vale il 13% del PIL nazionale.
Ma c’è un settore del nostro turismo che non solo ha retto, ma addirittura ha registrato numeri eccezionali: quello del turismo lento, dei cammini, delle ciclovie un turismo rispettoso, sostenibile e alternativo.All'inizio dell'anno si parlava ancora di città d’arte invase dai turisti, di ticket d’ingresso, di numero chiuso, oggi si parla di sostenibilità, natura, di turismo lento, di cammini, di relazioni umane, di scoperta di itinerari particolari.

30-09-2020
Autore: Loredana Cornero
Saggista. Presidente Viandando
Già Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona.

di Camillo della Nebbia

311 kilometri di corsa da Roma ad Ortona no-stop. L’impresa sportiva compiuta dall’abruzzese Alex Tucci in meno di 60 ore.

In questo periodo caratterizzato dalla paura e dall’incertezza della seconda ondata di lockdown, due amici legati dalla passione per la corsa “estrema”, oltre ogni limite, hanno deciso di affrontare di corsa con coraggio e fiducia il cammino di San Tommaso. Una scelta spirituale in chiave sportiva attraverso la quale Alex Tucci e Roberto Martini hanno fatto conoscere l’unicità di un percorso che congiunge Roma con Ortona, perché entrambi i luoghi hanno il privilegio di custodire le spoglie degli Apostoli Pietro e Tommaso.

04-11-2020
Autore: Camillo della Nebbia
Giornalista

di  Loredana Cornero

 La Via Appia è la più famosa strada romana che collegava l’antica Roma a Brundisium (Brindisi), il principale porto per la Grecia e l’Oriente. La sua importanza viene confermata dal soprannome che i Romani le avevano dato: Regina Viarum.

I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 312 a.C., ad opera di Appio Claudio con la ristrutturazione e l'ampliamento di una strada preesistente che collegava Roma alle colline di Albano e si protrassero fino al 190 a.C., data in cui la via completò il suo percorso fino al porto di Brindisi.

25-06-2020
Autore: Loredana Cornero
Saggista. Presidente Viandando.
Già Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona.

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv