L'Italia e il Mondo

Giuseppe Morabito

Nello scarso o quasi nullo interesse dei media dovuto alla rilevanza assoluta del “Virus di Wuhan” e le sue tragiche conseguenze, la scorsa settimana la Macedonia del Nord è diventata ufficialmente il trentesimo membro della NATO dopo aver depositato il suo "strumento di adesione" presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Il 17 marzo, il Senato spagnolo ha ratificato il protocollo di adesione della Macedonia del Nord, diventando il ventinovesimo e ultimo stato membro della NATO a farlo. Il Senato degli Stati Uniti aveva ratificato il protocollo di adesione della Macedonia del Nord il 22 ottobre 2019. La stragrande maggioranza delle Nazioni che fanno parte dell’Alleanza ha sostenuto per molti anni l'importanza dell'adesione della Macedonia alla NATO e oggi l'adesione della Macedonia del Nord è semplicemente “molto gradita”. La presenza del piccolo stato dell’ex Jugoslavia con una popolazione pari alla metà di quella di Roma (la maggioranza di fede ortodossa con la significativa presenza di un terzo di mussulmani per lo più di etnia albanese e solo l’1% di cattolici), rafforza l'Alleanza, rafforza la stabilità regionale nei Balcani occidentali e invia un forte messaggio agli attori internazionali - come la Russia - che non hanno diritto di veto sulle decisioni degli stati membri della NATO ma hanno sempre cercato di contrastare questo “allargamento” dell’Alleanza.

05-04-2020
Autore: Giuseppe Morabito
Faculty Advisor and Senior Italian Representative presso il NATO Defense College di Roma (NDC)

Giuseppe Morabito

Continuano nonostante lo stato di allarme generale le giustificate critiche all'approccio dell'OMS verso Taiwan e la Cina. Secondo il Guardian un consulente di livello dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sembrerebbe aver “lasciato correre” alla domanda di un giornalista che ha chiesto informazioni sulla risposta di Taiwan alla pandemia di coronavirus, e quindi non ha risposto ad altre domande perché aveva "già parlato della Cina". Come purtroppo noto, Taiwan è stata esclusa dalla partecipazione all'Assemblea Mondiale della Sanità dopo forti pressioni esercitate dal governo comunista cinese. 

Pechino vede Taiwan come una provincia che si è smarrita e non ha diritto al riconoscimento internazionale come entità politica separata. Le autorità comuniste vorrebbero portare l’isola sotto il loro controllo e hanno minacciato che useranno anche la forza, se necessario. Nel corso degli ultimissimi anni, il regime cinese ha aumentato la sua pressione multinazionale per convincere tutti i paesi a fare riferimento a Taiwan come parte integrante della Cina Popolare.

05-04-2020
Autore: Giuseppe Morabito
Faculty Advisor and Senior Italian Representative presso il NATO Defense College di Roma (NDC)

Michela Mercuri

E' stata inaugurata il primo aprile la missione "Irina", finalizzata a far rispettare l'embargo di armi verso la Libia. La missione europea intende rendere fattivo uno dei punti stabiliti dalla comunità internazionale con il Vertice di Bruxelles sulla Libia dello scorso 19 Gennaio che prevedeva, tra le altre cose, un embargo sulle armi che continuano ad arrivare nel paese, soprattutto da parte della Turchia che rifornisce le milizie vicine al premier onusiano Fayez al-Serraj e dagli Emirati arabi uniti che sostengono militarmente il suo avversario sul terreno, Khalifa Haftar. Irina potrebbe rappresentare un primo passo verso una politica europea maggiormente coesa sulla questione libica ma ci sono molte incognite che potrebbero inficiarne l'efficacia.

04-04-2020
Autore: Michela Mercuri
Ricercatrice dell'Osservatorio sul Fondamentalismo e il Terrorismo (O.F.T) dell'Università della Calabria

Fausta Speranza 

L’interdipendenza da anni ci chiede di pensare un vero progetto comune, da tempo si parla di una globalizzazione che non può restare senza forme di governance globale. L’infezione da Covid 19 ci ha inchiodati alle urgenze.

23-03-2020
Autore: FAUSTA SPERANZA
Giornalista e Scrittrice

di Francesco Tufarelli

Nonostante una partenza stentata e uno sviluppo in pieno periodo pandemico la Conferenza sul Futuro dell’Europa, che si avvia a chiudere i suoi lavori lunedì 9 maggio ha prodotto oltre 50 pagine di proposte suddivise in 49 paragrafi.

Le diverse proposte, acquisite attraverso la piattaforma predisposta dalla Commissione europea e a seguito di un attento esame dei panel nazionali rileva una forte presenza di proposte formulate dal nostro Paese.

In questa prima sintesi ci limiteremo ad evidenziarne alcune, in attesa che l’Assemblea plenaria del 9 maggio decida la sorte da riservare al lavoro sin qui svolto.

05-05-2022
Autore: Francesco Tufarelli
Presidente Centro Studi La Parabola
Docente Scienza dell’Amministrazione - Università Guglielmo Marconi

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv