L'Italia e il Mondo

di Franco Danieli

Tutti (cancellerie, servizi, stati maggiori…) sono rimasti sorpresi dalla travolgente avanzata dei talebani e dalla fine ingloriosa e repentina del cosiddetto “governo legittimo”; lo scenario ha evidenziato effettivamente una gravissima incapacità di analisi e di previsione da parte delle agenzie di intelligence di mezzo mondo e conseguentemente da parte dei governi di riferimento.

Si è adottata nel corso di questi lunghi anni, perlomeno negli ultimi quindici, una prassi astratta, codificata nelle direttive impartite alle forze sul campo che prescindeva da ogni tentativo di conoscenza della reale situazione del paese, delle condizioni sociali, culturali, economiche della popolazione, con la lodevole eccezione della presenza italiana e di qualche altro attore europeo.

20-08-2021
Autore: Franco Danieli
già Viceministro degli Affari Esteri

di Amer Al Sabaileh

Recentemente si sono verificati vari episodi di scontro indiretto tra Iran e Israele. Questi semi-scontri mostrano il desiderio di entrambi di non avere uno scontro aperto, tuttavia il numero di incidenti e attacchi sta aumentando prendendo una nuova dimensione con l'incidente nella centrale nucleare iraniana di Natanz.

È interessante il tempismo di questo attacco che è avvenuto in primis contemporaneamente ai colloqui in corso a Vienna; i colloqui avevano l’obiettivo di ripristinare l'accordo nucleare del 2015, e in secundis subito dopo la visita del segretario alla Difesa degli Stati Uniti, incontro  in cui il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele e gli Stati Uniti sono d'accordo sul proibire all'Iran di ottenere armi nucleari.

15-04-2021
Autore: Amer Al Sabaileh
Professore universitario e analista politico.

di Giuseppe Morabito

Nel corso della riunione  ministeriale della difesa della NATO della scorsa fine di febbraio, in forma virtuale, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd J ha dichiarato: "Ho sottolineato il nostro impegno ferreo per la garanzia di sicurezza ai sensi dell'articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico”  aggiungendo che “La nostra responsabilità condivisa come Alleati è proteggere le nostre popolazioni e il nostro territorio e per adempiere a tale compito abbiamo bisogno di ciò che il segretario generale definisce deterrenza e difesa credibili".

Lo scopo dell'incontro era in parte quello di discutere il futuro dell'Alleanza con la nuova amministrazione Biden a seguito della pubblicazione di un rapporto del NATO Reflection Group che indica la futura visione strategica della NATO fino al 2030. Il tema del dibattito era quello del ringiovanimento e della riorganizzazione dell’Alleanza

16-03-2021
Autore: Giuseppe Morabito
Generale dell’Esercito Italiano
Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

di Giuseppe Morabito

Nell'ultimo anno, le forze armate della Turchia sono state pioniere nell'utilizzo di nuove tecnologie militari come i droni; o nelle metodologie di ricognizione, con sistemi di difesa aerea e con l’ampio ricorso di mercenari. Sia in Libia sia in Nagorno-Karabakh, queste innovazioni hanno permesso a chi era sostenuto dalla Turchia di invertire la situazione iniziale della guerra. 

La questione più preoccupante per l’Occidente è stata e rimane, l’impiego di mercenari da parte di un paese alleato e membro della NATO. 

05-02-2021
Autore: Giuseppe Morabito
Generale dell’Esercito Italiano
Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

di Maria Elena Viggiano

“Una nuova guerra fredda” è il rischio che intravede Xi Jinping se Biden procederà con politiche protezionistiche come il suo predecessore Trump. Nel suo discorso durante la conferenza online del World Economic Forum, il presidente cinese ha usato parole come “isolamento”, “arroganza” e “pregiudizio” e pronunciato frasi come “nessun problema globale può essere risolto da un paese da solo” e “non esistono al mondo due Paesi identici, ogni Paese è unico e nessuno è superiore”.Parole dure ed un discorso da leader per sollecitare, tra testo e sottotesto, il riconoscimento della Cina come potenza globale, la non ingerenza nelle politiche interne e l’ammonimento agli USA di non creare una divisione tra Occidente ed Oriente.

04-02-2021
Autore: Maria Elena Viggiano
Giornalista

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv