Sabato, Luglio 04, 2020 Geopolitica

di Giuseppe Morabito

Cento giorni fa agli inizi della crisi internazionale per la pandemia la Macedonia del Nord è diventata ufficialmente il trentesimo membro della NATO dopo aver depositato il suo "strumento di adesione" presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Il 17 marzo, il Senato spagnolo aveva ratificato il suo protocollo di adesione, diventando il ventinovesimo e ultimo stato membro della NATO a farlo.  La stragrande maggioranza delle Nazioni che fanno parte dell’Alleanza ha sostenuto per molti anni l'importanza della sua adesione della e oggi il raggiungimento di questo traguardo è a tutti gli effetti “un successo dell’Alleanza”.

Mercoledì, Luglio 01, 2020 Economia

di Raffaella Pergamo

Il webinar del 25 giugno organizzato dal team di lavoro della Rete Rurale Nazionale e introdotto da Raffaella Pergamo di Crea Pb è’ stato incentrato sul tema della blockchain in agricoltura. Sono stati illustrati concetti come fiducia, responsabilità, decentralizzazione, internet del valore e normativa di riferimento, inquadrando il tutto nel contesto di modernizzazione del Paese e semplificazione delle regole. In particolare, Fabio Lecca ha descritto tecnicamente la blockchain e riferito di casi pratici di applicazione al sistema agroalimentare. Nel corso del webinar, infine, si è’ fornito uno spaccato sul regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali e la figura del DPO a cura di Giovanni Bonato.


Martedì, Giugno 30, 2020 Istruzione&Ricerca

di Sonia Marino

Da mesi si parla tanto di scuola, ma trovo che le migliori parole fino ad oggi spese in merito siano le seguenti: “il Comitato tecnico scientifico, almeno due settimane prima dell'inizio dell'anno scolastico, aggiornerà, in considerazione del mutato quadro epidemiologico, le proprie indicazioni in merito all'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale per gli alunni e per gli insegnanti...”.

Ineccepibile. Nessuno può essere certo di come la situazione evolverà, e di quali saranno davvero le condizioni al momento della riapertura delle scuole. Certo una soluzione è necessario trovarla, e bisogna pensarci adesso. O meglio ci si doveva pensare ieri.

Lunedì, Giugno 29, 2020 Istruzione&Ricerca

di Gilda Ricci

Finalmente  ho rivisto durante  questi indimenticabili,e  si spera unici Esami di Sato gli sguardi  dal vivo  dei  ragazzi , i “ miei” studenti”,  i  liceali vitali ed esplosivi , a volte  distratti ma sempre  curiosi, attenti, partecipi, desiderosi  di rivedersi e di incotrarci.

 Certo grazie  alla tecnologia, ai social,  alle piattaforme  interattive siamo  rimasti  spesso e comunque connessi e  comunicanti nella  varie fasi della  diffusione  di quella  che  ricorderemo come pandemia  epocale del “Coronavirus o Covid  19”.

Lunedì, Giugno 29, 2020 Ambiente

di Romolo Infusino
Domani, 30 giugno,verrà avviato lo shut-down del secondo modulo della centrale nucleare di Fessenheim, un reattore PWR di 880MW.

Il primo modulo è stato già spento nel febbraio di quest’anno. Si dà avvio, con questa operazione, al processo di riduzione della produzione di energia elettrica da nucleare che passerà dall’attuale 75% al 50% nel 2035, con chiusura progressiva di altri 14 reattori, secondo il piano voluto da Hollande e confermato da Macron, con relativo incremento della quota delle fonti rinnovabili. L’affermazione dei Verdi nelle regionali francesi di ieri porterà indubbiamente alla conferma e accelerazione della riduzione del nucleare francese, anche se la Francia non uscirà dal nucleare, contrariamente a quanto sta avvenendo nel resto dell’Europa ove la tendenza all’uscita è confermata dalla chiusura di centrali nucleari in Svizzera, Svezia e soprattutto nella Germania che prevede la chiusura di tutte le sue centrali entro il 2022.

Sabato, Giugno 27, 2020 Geopolitica

di Emanuela Locci 

 Lo scenario geopolitico globale sta cambiando velocemente, anche come conseguenza della pandemia che ha colpito in modo massiccio il mondo intero. Come effetto immediato gli attori internazionali stanno mutando o difendendo  le proprie posizioni: uno di questi attori internazionali è la NATO(Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico).In questo momento storico in cui ilmondo sta entrando in un periodo instabilità geopolitica post-pandemia, è necessario considerare come la NATO si adatterà per affrontare sia l’incertezza relativa alla leadership degli Stati Uniti sia la crescente minaccia proveniente dalla politica estera della Cina. Per comprendere meglio come questa importante organizzazione potrebbe inserirsi nei futuri scenari geopolitici in cui  potrebbe essere chiamata a svolgere le proprie funzioni, abbiamo intervistato il Generale Giuseppe Morabito, membro della Defence College Foundation.

Giovedì, Giugno 25, 2020 Turismo

di  Loredana Cornero

 La Via Appia è la più famosa strada romana che collegava l’antica Roma a Brundisium (Brindisi), il principale porto per la Grecia e l’Oriente. La sua importanza viene confermata dal soprannome che i Romani le avevano dato: Regina Viarum.

I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 312 a.C., ad opera di Appio Claudio con la ristrutturazione e l'ampliamento di una strada preesistente che collegava Roma alle colline di Albano e si protrassero fino al 190 a.C., data in cui la via completò il suo percorso fino al porto di Brindisi.


Outlook

Ripensare l’Unione europea a 70 anni dalla Dichiarazione Schuman

di Fausta Speranza

Uno shock senza precedenti dalla Grande Depressione, ma anche una prospettiva tutta nuova da esplorare: nel valutare le ultime stime della Commissione europea non si trova solo lo scenario cupo per l’economia, che fa seguito al dramma delle perdite umane per il Covid-19, ma anche una possibile crescita del Pil già nel 2021. Sullo sfondo c’è la possibilità di un ruolo nuovo per l’Europa, a patto che non trascuri il virus di vecchie ideologie e ribollenti nazionalismi, tenendo invece in lockdown i suoi valori.

di Francesco Tufarelli

La ricorrenza del 9 maggio, tradizionalmente la festa dell’Europa, cade quest’anno in un momento particolarmente delicato a livello europeo e internazionale.
La pandemia ha travolto la vita ed i ritmi dei cittadini, coprendo con un inquietante alone tutte le attività del vivere civile. Ai numerosi decessi intervenuti in questi sessanta giorni si aggiunge oggi lo spettro di una terribile crisi economica, di cui ancora non riusciamo bene a valutare l’entità.

di Stefano Milia

Questo 9 maggio si celebra una “Giornata dell'Europa”molto particolare. Non solo quest'anno ricorre il settantesimo anniversario della dichiarazione di Schuman, ma ci troviamo anche in una crisi globale che richiede la nostra cooperazione e solidarietà come mai prima d'ora.

di Rosa Musto

La festa dell'Europa, che gli studenti festeggiano ogni anno, rappresenta l'occasione per testimoniare nel contesto sociale quanto viene realizzato in tema di educazione alla cittadinanza europea nelle scuole. I risultati su “L'educazione alla cittadinanza a scuola” vengono costantemente monitorati e resi noti dalla Rete di informazione europea sull'istruzione Eurydice. E promuovere la cittadinanza attiva è diventato uno degli obiettivi principali dei sistemi educativi in tutta Europa.

di Elisabetta Biondi

Settanta anni fa Robert Schuman, il “padre dell’Europa”, diceva: «l'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto», per proseguire poi riferendosi non all’accezione “comune” di solidarietà, ma piuttosto ad una «solidarietà di produzione» che «in tal modo realizzata farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile.

di Raffaella Pergamo

Non vi parlerò dell’Italia, ma dell’Europa e non dell’Europa di ieri e di oggi, ma dell’Europa di domani, di quell’Europa che vogliamo ideare, preparare e costruire” queste le parole di Alcide De Gasperi, pronunciate in un discorso alla radio nel 1952, due anni dopo la presentazione da parte di Robert Schuman del piano di cooperazione economica, esposto nella Dichiarazione che segnava l’inizio del processo di integrazione europea.

di Barbara Becchi 

Le pubbliche amministrazioni di tutti i livelli, e in particolare gli enti locali e regionali, alle difficoltà quotidiane di gestione del territorio hanno visto aggiungersi una emergenza sanitaria senza precedenti che ha rischiato e rischia di sfilacciare il tessuto sociale dei territori.

bandiere2 400x300 1di Beatrice Covassi

Non è andato tutto bene.  Il Coronavirus si è portato via mio padre, classe 1937, e con lui tanti, troppi, della generazione che aveva contribuito alla ricostruzione e al benessere del dopoguerra, che aveva sognato e poi lavorato attivamente a quella dirompente novità chiamata Europa.  Una generazione forgiata nelle privazioni e nelle difficoltà economiche e sociali del periodo post-bellico, formata al sacrificio e all’impegno civico, tesa alla costruzione di un nuovo mondo con la democrazia come stella polare.       


Media TV

L'italia e il Mondo


Politica


Economia





L'angolo dell'umorista

Vado bene per la terza fase?
Vado bene per la terza fase?
L'angolo dell'umorista
L'angolo dell'umorista
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
25 APRILE: il giorno della Liberazione secondo Trojano
Lucio Trojiano
Lucio Trojiano
Povera Europa
Povera Europa

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv