Cultura

Grandi Donne: scienziate che hanno fatto la storia

di Sonia R. Marino

"Non cerco la fama, né desidero uno status elevato, ma sarò contenta di sapere che il mio lavoro vive dopo di me".

Kono Yasui nasce nel 1880 e cresce nel Giappone del periodo Meji, in un paese in rapido cambiamento per la modernizzazione ispirata al modello occidentale.

Un aspetto centrale del progetto di modernizzazione fu la riforma dell’istruzione, ma anche il modello occidentale non contemplava un pieno accesso delle donne all’istruzione. All’epoca, in Giappone, le ragazze frequentavano scuole separate dai ragazzi e la loro educazione era finalizzata a trasformarle in ryōsai kenbo: "buone mogli e madri sagge".

10-07-2021
Autore: Sonia R. Marino
Architetto European Ergonomist
Presidente di Integronomia (ergonomia e sostenibilità), ideatrice e curatrice di Grandi Donne

Grandi Donne: scienziate che hanno fatto la storia.

di Sonia R. Marino

“Sembravo timida ma non lo ero per niente.
Dentro di me sentivo una gran voglia di imparare.
Non avevo ancora idea di cosa avrei fatto,
però sapevo che desideravo scoprire per essere utile.
A chi o a che cosa lo ignoravo,
ma l’idea di diventare qualcuno
mi accompagnò sempre in quegli anni."

Giuliana Luigia Evelina Mameli, meglio conosciuta come Eva Mameli Calvino, nasce a Sassari nel 1886.

Donna dalle idee chiare e ferme in tutto:

"Eva non andava a messa, non cresimò i suoi figli, non gli fece seguire l’ora di religione a scuola e dove era indicata la religione lei scriveva: nessuna". (Macellari, 2010)

Una scienziata, che ad alcuni sembrava fredda e rigida. Probabilmente una persona consapevole delle sue capacità, con interessi precisi, tenace e anticonformista, che amava profondamente il suo lavoro.

Impegno e abnegazione che portava in ogni attività che intraprendeva; difatti come crocerossina fu insignita di una medaglia d'argento e di una di bronzo proprio per la dedizione con cui curò i feriti e i malati di tifo nella Grande Guerra.

07-06-2021
Autore: Sonia R. Marino
Architetto, European ergonomist
Presidente Integronomia, ricerca e progettazione in ergonomia e sostenibilità www.integronomia.it

di Gilda Ricci

La  scuola non ha mai smesso  di svolgere il suo  ruolo di fulcro culturale, relazionale e  sociale nonostante i limiti della pandemia. DaD, non Dad, DDI, didattica mista e scuola in presenza  hanno rappresentato,  in questo secondo anno scolastico minacciato dal nemico invisibile, causa  di angoscia, paure, chiusura, limiti e possibilità, un’occasione  di riflessione sul senso della  scuola oggi, nel terzo millennio.

 Certo la tecnologia era  già dentro le  scuole, non tutte però;  da  oltre un decennio  ha  bussato discretamente alle porte  di molte  aule. Alcune   sono attualmente adeguatamente  attrezzate con lim, p.c., connessione internet, altre  ancora prive  di tutto ciò. E allora? Non si fa  scuola moderna, adeguata  ai tempi? Certo  che si fa scuola, si organizzano tipologie di lezioni diversificate e adeguate sia  alle aspettative dei bambini e delle bambine, di adolescenti sempre più fragili, che all’organizzazione del sistema  scuola territoriale. Ecco che il territorio diventa  risorsa   se dialogante, limite  se resta  rigido nei confini delle sue singole istituzioni.

16-05-2021
Autore: Gilda Ricci
docente del Liceo “Alfano I” di Salerno
Presidente dell’Associazione regionale della Campania “ Di@logo "

Grandi donne: scienziate che hanno fatto la storia.

di Sonia R. Marino

Genere e identità avrebbero dovuto penalizzarla, ma lei riuscì ad abbattere ogni barriera del suo tempo.

 Nasce nel 1892 a Seattle, l’anno in cui venne completato il Pioneer Building simbolo della rinascita di una città che era stata rasa al suolo nel Grande Incendio del 1889.

Vive i suoi primi anni in una città in rapida ricostruzione, giovane, vivace, e una delle porte d’ingresso per la strada che conduce al Klondike e ai sogni di ricchezza di tanti avventurieri nord-americani e di oltreoceano di fine XIX secolo.

La sua è una famiglia di intellettuali e artisti, con un nonno famoso fotografo, tra i primi a introdurre negli Stati Uniti l’uso dei dagherrotipi, e afroamericano nato libero all’inizio dell‘800.

01-06-2021
Autore: Sonia R. Marino
Sonia R. Marino, architetto, European ergonomist
Presidente Integronomia, ricerca e progettazione in ergonomia e sostenibilità
www.integronomia.it

Grandi Donne: scienziate che hanno fatto la storia.

di Sonia R. Marino

“Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.”

Łucja Frey nacque nel 1889 in un’agiata famiglia di Leopoli, oggi Ucraina, allora terra polacca occupata dall’Austria.

Leopoli era una città con una vivace attività culturale, definita la ‘piccola Parigi dell’est’, crocevia di tante popolazioni diverse e importante centro scientifico della Polonia.

Nel 1853, proprio a Leopoli, per la prima volta una lampada a cherosene fu utilizzata per illuminare una sala operatoria durante un intervento chirurgico; e questo grazie a Ignacy Łukasiewicz, pioniere nel settore del petrolio che realizzò nel 1856 la prima raffineria al mondo. Tra i suoi successi vi fu per l’appunto la scoperta del procedimento per ricavare il cherosene dal petrolio.

16-05-2021
Autore: Sonia R. Marino
Architetto European Ergonomist
Presiede Integronomia, ricerca in ergonomia e sostenibilità

Sottocategorie

Questo sito utilizza cookie tecnici, google analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Se rifiuterai, nel tuo pieno diritto secondo la norma GDRP, la tua navigazione continuerà all'esterno del sito, Buon Navigazione Meridianoitalia.tv